Incremento di prezzi nel settore delle construzioni causato da COVID-19

Incremento di prezzi nel settore delle construzioni causato da COVID-19

Secondo gli indicatori economici, i costi di costruzione sono aumentati nella maggior parte dei paesi durante la prima metà del 2021.

In una situazione di mercato in ascesa, la determinazione dei prezzi comporta una certa complessità dovuta all'intervento di molteplici fattori difficili da quantificare, il che rende necessario lo studio delle cause che influenzano la variazione dei prezzi di mercato.

Tra la diversità dei fattori coinvolti nella determinazione dei prezzi di mercato, vale la pena evidenziare quelli con il maggiore impatto e ripercussione:

  1. Il recupero della fiducia degli investitori e il superamento dell'incertezza
  2. Aumento dei prezzi sui mercati delle materie prime:
    • Aumento dei prezzi sui mercati delle materie prime:
    • Diritti di emissione di CO2
  3. L'alto indebitamento degli Stati e l'aumento della massa monetaria in circolazione, che mette in pericolo la stabilità dei prezzi.
  4. L'effetto di rimbalzo sull'economia causato dall'inattività imposta dalla pandemia, che genera:
    • Ansia per il consumo e maggiore dinamismo nel settore produttivo
    • Scarsa offerta di alcuni materiali con una produzione limitata di fronte a una domanda crescente, come nel caso del legno e dell'acciaio.
  5. L'aumento generale e continuo del prezzo dell'energia: elettricità e combustibili.
  6. Carenza di manodopera qualificata nel settore delle costruzioni

1. Recupero della fiducia del mercato

L'Investor Confidence Index è un indicatore sviluppato dall'agenzia tedesca Sentix che misura l'umore e la disposizione degli investitori verso l'attività economica nella zona euro.
Nel giugno di quest'anno (2021), il suddetto indicatore ha raggiunto un valore di 28,1 punti, molto più alto di quello registrato nel dicembre 2019 che si attestava a 0,7 punti, che è un'indicazione della ripresa della fiducia del mercato, come si riflette nel grafico seguente:

D'altra parte, l'agenzia tedesca Sentix avverte che l'eccessivo ottimismo sulla riapertura dell'industria alberghiera e la ripresa del commercio, soprattutto del settore turistico, può contribuire a un aumento dell'inflazione a breve e medio termine.

2. Aumento dei prezzi delle materie prime e delle quote di emissione

Futures su indici azionari di materie prime: acciaio, rame, alluminio e legname

È un fatto indiscutibile che i prezzi delle materie prime o delle commodities stanno aumentando, che vengono scambiate attraverso le diverse piattaforme di analisi e di investimento secondo la domanda e l'offerta globale.

I costi nel settore delle costruzioni sono particolarmente influenzati dai prezzi dell'acciaio, del rame, dell'alluminio e del legname, che sono soggetti alle quote a termine degli indici azionari, come illustrato nel grafico sottostante:

Diritti di emissione di CO2

Va anche sottolineato, che il commercio dei diritti di emissioni è uno strumento di mercato che fornisce incentivi o sanzioni economiche per le emissioni di CO2 e di altri gas a effetto serra, in sostanza, è una formula di scambio per rispettare i protocolli ambientali di Kyoto del 1997.

Come si può vedere nel grafico seguente, il valore di mercato dei diritti di emissione è aumentato dall'inizio di dicembre 2020 a giugno 2021, del 82%, tuttavia, nel periodo corrispondente ai momenti di piena pandemia c'è un chiaro calo della quotazione, raggiungendo il suo valore minimo in aprile 2020.

3. Aumento dell'offerta di denaro in circolazione

Come conseguenza dell'indebitamento degli Stati per coprire l'impatto negativo che il COVID 19 ha causato nell'economia mondiale, le principali banche centrali del mondo, specialmente la Federal Reserve o banca centrale degli Stati Uniti (FED) e la Banca Centrale Europea (BCE), hanno aumentato notevolmente l'offerta di moneta, il che implica una maggiore massa monetaria in circolazione che solitamente genera un aumento dell'inflazione.

Pertanto, ci troviamo di fronte a un eccesso di massa monetaria in circolazione a livello globale, che porterà a un aumento generalizzato dei prezzi.

4. Effetto rimbalzo dell'economia

Dopo un periodo di contrazione economica l'effetto rimbalzo è un fattore inevitabile. Secondo l'ufficio statistico europeo Eurostat, nell'Eurozona dall'ultimo trimestre del 2020, la maggior parte delle nazioni ha aumentato significativamente il proprio PIL.

Questo effetto di rimbalzo è un fattore di dinamizzazione dell'economia che implica direttamente o indirettamente un aumento dei prezzi.

5. Aumento dei prezzi dell'energia: elettricità e combustibili

L'aumento del prezzo dell'energia ha un impatto diretto sui costi della costruzione durante tutto il suo ciclo di vita, dall'estrazione delle materie prime, il trasporto, il processo di fabbricazione dei prodotti e l'esecuzione dei lavori, e naturalmente, più tardi nell'uso e nel funzionamento dell'edificio.

Il seguente grafico illustra l'aumento dei prezzi dell'elettricità e del petrolio grezzo WTI (West Texas Intermediate) negli ultimi due anni.

6. Carenza di manodopera qualificata nell'industria delle costruzioni

Si tratta di un problema strutturale che trascina il settore delle costruzioni da più di un decennio, la mancanza di manodopera qualificata, soprattutto primi ufficiali, capisquadra o capi cantiere, con conseguente aumento del costo reale del lavoro.

Oltre a questa carenza di manodopera qualificata, ci sono altri fattori derivati dalla paralisi dell'attività che ha portato a un aumento dei prezzi che colpisce singolarmente il settore delle costruzioni, tra i quali vale la pena sottolineare:

  • Il boom delle ristrutturazioni e degli ampliamenti delle case esistenti per adattarle alle nuove esigenze scoperte durante il periodo della pandemia.
  • L'aumento del risparmio e della capacità di finanziamento delle famiglie, come risultato del consumo inibito dalle restrizioni imposte da COVID 19.

7. Conclusione: aumento dei prezzi e dei costi di costruzione

Dallo studio degli indicatori economici di cui sopra si può concludere che:

  1. Il recupero della fiducia degli investitori, insieme all'effetto di rimbalzo dell'economia e all'aumento della massa monetaria in circolazione, fa presagire un aumento dell'inflazione, che si traduce in un aumento generalizzato dei prezzi.
  2. L'aumento del prezzo delle materie prime, specialmente dell'acciaio e del legname, insieme all'aumento dei prezzi dell'elettricità e del carburante, significa un inevitabile aumento dei costi di costruzione.

In questo contesto, il generatore di prezzi Cype viene aggiornato costantemente, sulla base dei prezzi dei prodotti e/o dei materiali forniti dai produttori e/o dai fornitori. Tuttavia, quando c'è un aumento significativo dei prezzi causato dall'inflazione, non è possibile adeguare immediatamente i prezzi al mercato, anche per i produttori stessi, che devono sopportare il continuo aumento del costo delle materie prime, del lavoro e/o dell'energia.

In una situazione inflazionistica, il Generatore di Prezzi permette di adattare i prezzi al mercato delle costruzioni per mezzo di parametri di adattamento che dipendono dal volume dell'opera (superficie costruita) e dalle condizioni attuali del mercato, che l'utente può selezionare nella schermata iniziale "Prezzi scomposti" in base alla situazione del mercato:

  • In aumento;
  • Crescita sostenuta;
  • Crescita moderata;
  • Recessione moderata;
  • Recessione netta.

Nel caso di una situazione inflazionistica, l'utente deve selezionare le opzioni Crescita Moderata o In Aumento a seconda del livello di inflazione.

FONTI INTERNAZIONALI CONSULTATE


STATISTICHE DEL MERCATO FINANZIARIO

La imagen tiene un atributo ALT vacío; su nombre de archivo es image-5.png

Piattaforma dei mercati finanziari che fornisce dati in tempo reale
dati in tempo reale da 250 mercati di tutto il mondo attraverso le sue 44 edizioni internazionali.
44 edizioni internazionali.
Recuperato. [16/06/2021]

https://es.investing.com/commodities/

https://es.investing.com/economic-calendar/sentix-investor-confidence-268


INSTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (INE)

È il coordinatore delle statistiche ufficiali realizzate in Spagna. Il suo compito principale è quello di compilare statistiche pubbliche, che sono studi ufficiali sulla situazione e l'evoluzione della popolazione, dell'economia e della società in Spagna.
Recuperato. [16/06/2021]
https://www.ine.es/dyngs/INEbase/es/operacion.htm?c=Estadistica_C&cid=1254736154972&menu=result
ados&idp=1254735576757
https://www.ine.es/jaxiT3/Tabla.htm?t=23714

https://www.ine.es/dyngs/INEbase/es/operacion.htmc=Estadistica_C&cid=1254736154972&menu=resultados&idp=1254735576757

https://www.ine.es/jaxiT3/Tabla.htm?t=23714


IL BANCO DE ESPAÑA

È la banca centrale nazionale e, nel quadro del Meccanismo Unico di Supervisione (SSM), il supervisore del sistema bancario spagnolo.
del Meccanismo Unico di Vigilanza (SSM), il supervisore del sistema bancario spagnolo
insieme alla Banca Centrale Europea.

Recuperato. https://www.bde.es/bde/es/areas/estadis/ [16/06/2021]


STATISTICHE SUI CONTRATTI COLLETTIVI DI LAVORO

Fornisce informazioni statistiche sugli aspetti più rilevanti dei contratti collettivi.
contratti collettivi di lavoro.

Recuperato. http://www.mites.gob.es/estadisticas/cct/welcome.htm [16/06/2021].

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Altri articoli